Il branded content

Avete appena visto un cortometraggio di altissima qualità su YouTube, girato da un regista di grido e che nel giro di pochi giorni è diventato virale. In quel filmato, non c’è nessuna forma di pubblicità, né esplicita né nascosta; eppure, quel video è stato prodotto, pagato e ospitato sul canale YouTube della Audi, di Louis Vuitton, di IBM o di qualunque altro brand vi possa venire in mente. Le ragioni che spingono alcune aziende a investire in un prodotto di qualità, che sia informativo o di puro intrattenimento, senza averne un ricavo diretto e senza promuovere un loro prodotto, rientrano nelle logiche di una delle forme di marketing che sta avendo più successo negli ultimi anni: il branded content.

Il workshop intende analizzare il branded content e le sue principali declinazioni e modalità di impiego così da avvicinare i partecipanti a questa nuova ed efficace strategia di marketing. Oltre a esempi pratici e casi eccellenti si cercherà di stimolare i partecipanti all’ideazione e strutturazione pratica di una propria strategia di branded content da discutere ed analizzare grazie agli strumenti acquisiti durante il workshop.

Programma del corso:

Le tre tipologie di branded content:

  • Contenuto su piattaforma aziendale
  • Contenuto su testata giornalistica
  • Testata giornalistica interamente sponsorizzata


Esempi:

  • Esempi e analisi di video native su YouTube
  • Esempi e analisi di articoli sponsorizzati
  • Esempi e analisi di testate branded


Perché il branded:

  • Dal punto di vista dell’azienda: inserirsi nella conversazione, non interromperla
  • Dal punto di vista della testata: fetta importante in periodo di crisi

Pro:

  • Trasparenza e chiarezza
  • Tutti gli attori coinvolti sono contenti: l’azienda raggiunge il suo pubblico; la testata produce contenuti interessanti che i lettori sono contenti di ricevere


Contro:

  • Confine poco chiaro tra pubblicità e informazione nasconde sempre rischi, soprattutto quando – come in Italia – l’approccio non è sempre dei migliori (esempio GSG)
  • Chi li legge davvero? Spesso si pensa troppo a far felici l’azienda, meno il lettore
  • Ma serve davvero? (soprattutto nel caso delle testate online; il caso Moleskine/The Towner)


La questione influencer:

  • Chi è un influencer
  • Quanto guadagna
  • Ma fa davvero branded content?
  • Il confine (troppo) poco chiaro


I casi eccellenti di branded content:

  • Narcos e il Washington Post
  • Snowfall sul New York Times


Analisi in profondità:

  • Brandend content di TIM: Le Macchine Volanti


Sessione di domande e risposte
 

Dettagli del corso
Corso in programmazione
  • Durata: 8 ore
  • Incontri: 1
  • Orario: dalle 09.00 alle 18.00
  • Luogo di svolgimento:

    Derthona Lab
    Via Cereti 1, Tortona

  • Come arrivare: Visualizza mappa
Prezzo€ 120
Richiedi Info

L'insegnante

Andrea Daniele Signorelli

Andrea Daniele Signorelli, milanese, classe 1982, si occupa del rapporto tra innovazione, politica e società. Scrive per La Stampa, Wired, Il Tascabile, CheFare e altri ancora. Collabora come editor e traduttore per alcune case editrici, nel 2017 ha pubblicato 'Rivoluzione Artificiale: l’uomo nell’epoca delle macchine intelligenti' per Informant Edizioni.

  Linkedin

DerthonaLAB è uno spazio di coworking, una community, un laboratorio di innovazione sociale. Le opportunità di questo spazio si allargano con una proposta formativa rivolta ad aspiranti imprenditori e liberi professionisti che puntano ad ampliare le proprie conoscenze e skills.


Warning: ksort() expects parameter 1 to be array, null given in /home/mhd-01/www.corsitortona.it/htdocs/template/prossimi_corsi.php on line 13
Prossimi corsi
Contattaci
1
Close chat